La Lega con Garavaglia piccona il governo Draghi: dice no alla chiusura dello sci e invoca risarcimenti - Il Sovranista.info

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

lunedì 15 febbraio 2021

La Lega con Garavaglia piccona il governo Draghi: dice no alla chiusura dello sci e invoca risarcimenti



E' scontro frontale tra ministri per la decisione del governo di chiudere gli impianti sciistici fino al 5 marzo. Ad attaccare  è il leghista Massimo Garavaglia, titolare del dicastero del Turismo: "è evidente che la stagione è finita: la colpa è del governo, ora paghi", dice senza mezze misure.

L'ordinanza varata dal collega Roberto Speranza, ministro della Salute riconfermato nel governo Draghi, prolunga fino al 5 marzo lo stop agli impianti, di fatto decretando la fine delle speranze per il mondo economico che ruota intorno allo sci. Una decisione avallata da Draghi e motivata dalla relazione preoccupante del Cts sull'andamento della pandemia in riferimento alle varianti che si stanno diffondendo, soprattutto quella inglese. Ma le ragioni di carattere epidemiologico non tolgono, per il ministro del Turismo, che azzerare un settore a poche ore dal via di una ripresa così fortemente attesa e preparata configuri un danno gravissimo da imputare all'esecutivo.

"Abbiamo sentito gli operatori, precisa il leghista Garavaglia  e pensare di mettersi in campo dopo il 5 marzo senza certezze oggettivamente non ha senso. Stiamo già raccogliendo le prime istanze concrete ed è importante che siano già inserite nel Decreto Ristori. Non esiste che si debbano aspettare 60 giorni, questa cose non devono più succedere. Ho appena interrotto un incontro con gli operatori per quantificare i danni. Qui non si deve parlare di ristori ma di indennizzi, perché quando si arreca un danno bisogna indennizzare e su questo tema siamo già al lavoro".

L'attacco del ministro è frontale, ed è diretto al suo stesso governo: "C'è stato un danno per una scelta del governo - chiarisce Garavaglia - e i danni vanno indennizzati. La normativa attuale prevede, per assurdo, che il ministro competente possa prendere le decisioni in autonomia. Evidentemente c'è qualcosa da registrare. Penso che sarà oggetto di discussione". 

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3