25 aprile, Fratelli d'Italia a Castellammare di Stabia ricorda il bersagliere Finamore decapitato dai partigiani - Il Sovranista.info

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

lunedì 26 aprile 2021

25 aprile, Fratelli d'Italia a Castellammare di Stabia ricorda il bersagliere Finamore decapitato dai partigiani



 Nella mattinata di domenica 25 aprilem con la presenza dell'amministrazione comunale di Castellammare di Stabia, il cordinamento cittadino di Fratelli d'Italia e Gioventù Nazionale , hanno ricordato il bersagliere Alessandro Roberto Finamore ucciso barbaramente a soli 19 anni dalla Brigata Partigiana IV Apuana. La sua testa, mozzata, impalata ed esposta, fu rinvenuta dalla madre il 25 Aprile del '45. È importante, afferma l'avvocato Ernesto Sica, comsigliere co,unale di Fratelli d'Italia e dirigente nazionale di Gioventù Nazionale che le istituzioni finalmente si interessino alle storie di memoria negata affinchè si possa tentare una riconciliazione della memoria nazionale. Il 25 aprile deve essere un momento di commemorazione e riflessione. #25aprile #Finamore #Stabia #Amministrazione #Memorianegata #commemorazione #riflessione #FdI #GN 

Il consigliere Ernesto Sica ci delinea la figura del bersagliere Finamore 


LA SUA STORIA Alessandro Roberto Finamore oriundo Stabiese nasce l'08/02/1926 a Verona ed era un bersagliere ausiliario del reggimento L. Manara secondo battaglione Mameli. Figlio d'arte in quanto il padre Mario (Stabiese) era un colonnello dell'Esercito Italiano. Dopo l'armistizio fu inviato in Toscana nella zona della lodigiana a presidiare i territori nel periodo tragico della guerra civile appena diciottenne insieme ad altri militi del btg. Mameli, che purtroppo seguirono la sua stessa sorte. Il 26 Febbraio del ‘45 Finamore faceva parte del nucleo di otto prigionieri, poco più che suoi coetanei ed inesperti bersaglieri, che caddero nelle mani dalla brigata partigiana lV apuana. La brigata, composta per lo più da comunisti, era guidata dal famigerato Renzo Ferrari ed era nota per la sua spietatezza ed era mal sopportata dalle popolazioni contadine poiché si distinse per continui soprusi e ladrocini. Almeno nove bersaglieri furono uccisi tra il 21 e 23 Aprile del ’45 a Fivizzano (MS). Le loro teste, impalate, furono esposte sul ciglio della strada come monito per gli altri. La testa di Alessandro fu mozzata dal corpo ed infilata su di un bastone, mentre il corpo fu gettato in una fossa comune. Il 25 Aprile del ‘45 la madre scoprì la morte del proprio figlio a soli 19 anni, e lo seppellì nel cimitero di Castellammare di Stabia senza il corpo. La lapide di granito nero, che tutt'ora sovrasta la tomba, fu apposta dal padre Mario con una commemorazione celebrata nel 1972 con la presenza del cappellano militare don Michele D'Auria il segretario della sez. del MSI Giacinto Di Sandro ed un folto gruppo di missini stabiesi. Ad Alessandro Roberto Finamore è sempre stata dedicata la sede del MSI a Castellammare di Stabia. Le ricostruzioni storiche di molteplici fatti di sangue compiute dai partigiani nell'immediato dopoguerra vengono semplicemente sottaciute o celebrate come gesta eroiche.

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3