Dl Covid, Meloni: sul coprifuoco neanche Conte era arrivato a tanto - Il Sovranista.info

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

mercoledì 28 aprile 2021

Dl Covid, Meloni: sul coprifuoco neanche Conte era arrivato a tanto



"Fratelli d'Italia chiede ormai da settimana l’abolizione dell’inutile, dannosa e, secondo me, illegittima misura del coprifuoco alle 22, da rispettare fino al 31 luglio secondo l’ultimo dl del governo. Limitare la libertà dei cittadini, massacrare le nostre attività, devastare il turismo per fare una cosa non solo inutile per il contrasto alla pandemia ma addirittura dannosa, perché minore è il tempo in cui queste attività si possono svolgere più ci si assembrerà".

Parole chiare, dirette, che non lasciano dubbi ad interpretazione alcuna, quelle pronunciate da Giorgia Meloni nel corso di una diretta Facebook commentando la bocciatura dell'Aula della Camera degli ordini del giorno presentati di Fratelli d'Italia che prevedevano l’abolizione del coprifuoco, i ristoranti aperti fino a mezzanotte, lavorare anche all’interno e non solo all’esterno, cioè misure che lo scorso anno neanche dal terribile Giuseppe Conte sono state previste.

Infatti, ricorda Meloni, dopo il lockdown, non esisteva il coprifuoco e quando Conte a metà maggio ha riaperto i ristoranti, all’interno e all’esterno, non c'è stata durante l’estate un’escalation della pandemia. C’è stata ad ottobre, quando si sono riaperte le scuole e la gente è tornata a lavorare e si è assiepata sui mezzi pubblici, il più grande cluster. Perché questo governo è, come il precedente, un governo che scarica sulle attività commerciali e sui cittadini le sue inefficienze per far vedere che stiamo facendo qualcosa. In uno stato democratico, conclude Meloni, non è nelle prerogative del governo decidere" del coprifuoco e delle orario delle attività, "non si può intaccare la libertà delle persone a un anno di pandemia.

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3