Lodi dedica una via a Sergio Ramelli nel quarantaseiesimo anniversario della tragica morte - Il Sovranista.info

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

giovedì 29 aprile 2021

Lodi dedica una via a Sergio Ramelli nel quarantaseiesimo anniversario della tragica morte

.



Lodi intitola una via a Sergio Ramelli: la giunta comunale ha approvato la delibera con cui si stabilisce che la strada attualmente senza nome tra via Cavallotti e viale Piave è dedicata alla memoria dello studente militante del Fronte della Gioventù, organizzazione giovanile dell'allora Movimento Sociale Italiano barbaramente aggredito il 13 marzo del 1975 da un gruppo di militanti di Avanguardia Operaia, armati di chiavi inglese modello Hazet e colpito selvaggiamente in diverse parti del corpo, morto il 29 aprile dopo 47 giorni di agonia.
Con l'individuazione della via che gli sarà intitolata, "si conclude un iter molto lungo, iniziato nel marzo del 2019 con la richiesta presentata dal gruppo consiliare di Fratelli d'Italia. A gennaio 2020 venne presentata una mozione in merito, approvata in consiglio comunale un mese più tardi Sara Casanova sindaco leghista di Lodi   Così la città ricorda un giovane lodigiano scomparso in circostanze tragiche".

Nella delibera si ricorda anche che "la memoria del giovane martire era già nella toponomastica di molte città italiane, di cui due della provincia di Lodi: Codogno e Casalpusterlengo" e viene citata la motivazione scritta nel 1988 da Nicola Pasetto (allora consigliere comunale del Movimento Sociale Italiano - Destra Nazionale a Verona) per l'intitolazione a Ramelli di una via nella città veneta: "In nome di una pacificazione nazionale che accomuni in un'unica pietà i morti di un periodo oscuro della nostra storia e come monito alle generazioni future affinché simili fatti non debbano più accadere"

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3