Patrick Zaki, via libera del Senato alla cittadinanza italiana: solo Fratelli d’Italia si astiene - Il Sovranista.info

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

mercoledì 14 aprile 2021

Patrick Zaki, via libera del Senato alla cittadinanza italiana: solo Fratelli d’Italia si astiene



Il Senato chiede al Governo di conferire la cittadinanza italiana all'egiziano Patrick Zaki, studente dell'università di Bologna, da 432 giorni rinchiuso nel carcere di Tora a Sud del Cairo con l'accusa di "incitamento alla protesta" e "istigazione a crimini terroristici". Ha 28 anni e rischia 25 anni di reclusione.

La richiesta di palazzo Madama arriva sotto forma di due mozioni  presentate dal Partito Democratico e dal Movimento Cinque Stelle convertite poi in un ordine del giorno unificato votato da 208 parlamentari. Per bussare forte alle porte dell'Egitto si muove anche la senatrice a vita Liliana Segre, che con i suoi 90 anni arriva a Roma, nonostante le limitazioni anti-Covid, solo per dare una speranza allo studente egiziano. "Sarò sempre presente, precisa la Segre, quando si parla di libertà. Ricordo cosa si prova da innocente in prigione".

Nessuno in Senato vota contro Zaki cittadino italiano, ma in 33 si astengono, tra questi i 20 parlamentari di Fratelli d'Italia, sollevando dubbi sull'opportunità politica della cittadinanza. Il timore è un "effetto controproducente per lo stesso Zaki", spiega Alberto Balboni di FdI, "potrebbe insospettire e irrigidire ulteriormente le autorità egiziane". Anche il sottosegretario agli esteri Marina Sereni, pur ribadendo l'impegno del Governo a "seguire il caso con la massima attenzione", sottolinea in Aula che "l'attribuzione della cittadinanza è una misura simbolica", "priva di effetti pratici a tutela dell'interessato". Perplessità anche da Forza Italia che tuttavia vota a favore "per ribadire l'inviolabilità dei diritti umani riconosciuti". Convinti della decisione presa M5s e Pd.

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3