Si al Ddl Zan: il riposizionamento politicamente corretto di Alessandra Mussolini - Il Sovranista.info

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

venerdì 16 aprile 2021

Si al Ddl Zan: il riposizionamento politicamente corretto di Alessandra Mussolini



Un endorsement davvero incredibile, quello di Alessandra Mussolini, storica esponente della destra italiana nel Movimento Sociale Italiano prima, in Alleanza Nazionale poi, fondatrice di un cartello elettorale "neofascista" denominato Alternativa Sociale composto da Libertà d'Azione, Forza Nuova e Fronte Nazionale) infine in Forza Italia, alla legge Zan.

L'ex parlamentare europeo ha postato su Instagram una foto con scritto DDL ZAN sulla mano, un trend in questi giorni ripreso da molti esponenti del mondo dello spettacolo per manifestare la loro opinione su un tema delicato ed ha scritto: "subito la legge, mai più discriminazioni.

Un appoggio che non mi stupisce. Il sostegno alla Legge Zan altro non che è la seconda puntata di un classico show  sempre più di moda per politici trombati considerati estremisti, denominato riposizionamento. La prima puntata del "riposizionamento" c'era stata nello scorso mese di ottobre quando Alessandra Mussolini, in versione ballerina, aveva chiesto scusa all'opinionista Wladimir Luxuria per le parole proferite nel corso di una puntata di Porta a Porta del 2006. In quell'occasione Alessandra Mussolini aveva detto all'esponente di Rifondazione Comunista: meglio fascista che frocio. Parole pronunciate nel corso di un infuocato dibattito politico, che ora un'artista come Alessandra Mussolini non può che definire come frase sbagliate che non rifarei.





Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3