Agovino, la strategia comunicativa di Giorgia Meloni: "moderata ma senza rinunciare agli attacchi alla sinistra buonista" - Il Sovranista.info

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

martedì 8 giugno 2021

Agovino, la strategia comunicativa di Giorgia Meloni: "moderata ma senza rinunciare agli attacchi alla sinistra buonista"


Fratelli d'Italia, sondaggi alla mano, è  il secondo partito politico italiano, con il 20,1%  oltre che il secondo partito del centrodestra, che è  maggioranza del paese con il 50% dei consensi. Nelle prossime settimane, mantendo questo trend di crescita  Fratelli d'Italia potrebbe diventare il primo partito italiano e la sua leader potrebbe essere la prima donna premier del paese, grazie ad una  indovinata strategia comunicativa  come ci spiega la professoressa Irene Agovino, nostra appassionata lettrice ed occasionale collaboratrice in un suo post che pubblichiamo volentieri.


Sembra di essere tornati al vecchio Movimento Sociale, ai tempi del " non rinnegare Non restaurae, con questa  strategia comunicativa di Giorgia Meloni leader indiscussa di Fratelli d'Italia . Infatti, i  tanti post sui social evitano parole come Islam- si preferisce islamismo- si nomina il razzismo- definendolo anche schifoso- si dice che i Partigiani(se non rossi eh)non furono quei criminali che il neofascismo dipinse. 
Insomma, rispetto a Salvini, la Giorgia nazionale riesce ad essere meno spietata nella sua analisi, senza rinunciare a colpire la sinistra buonista. Una strategia, che sa già di governo e di presunta moderazione e che la porterà, sempre che si torni ad elezioni, forse a diventare la prima donna premier del Paese.

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3