Da Moretto ad Insurgencia sulla tavola imbandita di Manfredi un bel fritto misto - Il Sovranista.info

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

lunedì 26 luglio 2021

Da Moretto ad Insurgencia sulla tavola imbandita di Manfredi un bel fritto misto



 " Siamo alternativi agli scalmanati di Insurgencia: se Manfredi e Sarracino insistono faranno a meno di noi". Le parole di un esponente politico vicino  a Vincenzo De Luca rovinano la giornata dell'aspirante candidato sindaco di questo strano centro sinistra, in salsa partenopea che va, secondo indiscrezioni giornalistiche, dall'ex missino ed ex leghista Vincenzo Moretto, passando per il Partito Democratico ed il Movimento Cinque Stelle fino ad arrivare ai transfughi di Forza Italia guidati da Stanislao Lanzotti ed Antonio Milo uniti in una lista, dal sapore più sportivo che politico, denominata Azzurri per Napoli. 

La notizia dell'accordo tra Gaetano Manfredi e Sergio d'Angelo e le sue truppe cammellate del centro sociale Insurgencia( la sinistra di lotta e di governo che lotta per restare al governo) che in questi anni, ha contestato più volte Vincenzo De Luca, fino al lancio di sacchetti di spazzatura mette in subbuglio l'anima moderata e le liste civiche di osservanza deluchiana,  che concordano sulla necessità di non caricarsi sulle spalle Ivo Poggiani, Eleonora De Majo, Egidio Giordano.

I tre antagonisti, in perfetto stile 25 luglio, da braccio operativo e militante della rivoluzione arancione, per cercare di restare in sella, cercano un riposizionamento nelle fila del centro sinistra avendo come sponsor principale Sergio D'Angelo, ma la loro preferenza nel centro sinistra centro destra di Manfredi provoca disturbi e malumori tra moderati e deluchiani., le cui liste potrebbero staccarsi dall'alleanza. 

Un veto, quello nei confronti degli antagonisti inutile oltre che strumentale. L'idea forza di Manfredi è quella di vincere le prossime amministrative al primo turno, per cui è necessaria una coalizione ampia che vada dall'ex missino, convertito al salvinismo della seconda maniera Moretto, agli antagonisti di Insurgencia, passando per i transfughi di Forza Italia. Governare con una coalizione cosi ampia, senza avere il piglio decisionista di De Luca sarà una impresa. Ma questa è un'altra storia.

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3