Lega, il militante di Riace attacca: «In Calabria comanda la lobby gay!» - Il Sovranista.info

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

giovedì 12 agosto 2021

Lega, il militante di Riace attacca: «In Calabria comanda la lobby gay!»




Bomba agostana in casa Lega. Se la prima, rappresentata dall’inchiesta “Inter nos” che ha portato agli arresti il consigliere regionale Nicola Paris (eletto con l’Udc poi transitato nel misto, con un passato nel centrosinistra comunale reggino a sostegno di Giuseppe Falcomatà) è stata scansata non essendo stata perfezionata la sua entrata nel Carroccio calabrese in vista delle regionali, la seconda è destinata a far discutere.

La “Lobby Gay” della Lega Calabria

L’attacco frontale, di quelli pesanti, che sta girando di chat in chat in un audio è di Domenico Fedele, referente della Lega di Riace, anti-Lucano per eccellenza, in passato sobbalzato agli onori di qualche cronaca nazionale per la sua auto proclamazione a sosia di Matteo Salvini.
«Caro Marco - si sente nell’audio - hai trovato degli eventi per Matteo in cui noi leghisti, noi referenti comunali, noi militanti, non possiamo parteciparvi da tutta la Calabria e ho telefonate continue e son tutti arrabbiati con te e con Spirlì che vi siete organizzati, la lobby gay che state creando solo voi la Lega per i fatti vostri. Vi state creando la Lega per i fatti vostri come ci racconta la
collega Alessia Bausone dalle pagine virtuali di Lacnews24, portale di informazione calabrese, in un articolo che potete leggere cliccando qui

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3