Comunali Napoli 2021, dalla Fiamma Tricolore a Forza Italia: l'ultimo approdo dell'eterno candidato Alviti - Il Sovranista.info

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

mercoledì 8 settembre 2021

Comunali Napoli 2021, dalla Fiamma Tricolore a Forza Italia: l'ultimo approdo dell'eterno candidato Alviti



 Giuseppe Alviti è il leader dell'Associazione Nazionale Guardie Giurate ed è un sindacalista della autonomo  Federazione Nazionale dei lavoratori, con il cuore che batte, a destra. Infatti vanta un passato nel Movimento Idea Sociale, formazione politica nata da una scissione in seno alla Fiamma Tricolore, culturalmente si definisce Rautiano ed identitario meridionalista. Più volte, con scarsi risultati, negli anni scorsi ha tentato di candidarsi a sindaco di diversi comuni della provincia di Napoli come Pompei Torre del Greco, non riuscendo a presentare la lista. Alle scorse regionali, Alviti subì la fascinazione per il leghismo di ispirazione meridionale, annunciando la candidatura a governatore con la Lega Sud di Gianfranco Vestuto, salvo poi candidarsi, con scarsi risultati (44 voti di preferenze) con Forza Italia. Un candidato eclettico, unico nella sua specie, che nel corso della sua fallimentare campagna elettorale, ha attaccato prima Stefano Caldoro, candidato governatore del centro destra e Matteo Salvini, leader indiscusso della Lega.  In vista della prossime amministrative di Napoli, Giuseppe Alviti aveva deciso di sostenere Antonio Bassolino, ex sindaco di Napoli, ex governatore della Campania, già ministro del lavoro nel governo D'Alema, fondatore del Partito Democratico che tenta la conquista di Palazzo San Giacomo con una lista civica orientata. Un amore durato davvero poco, giusto il tempo di ritornare a destra, con la Fiamma Tricolore di Attilio Carelli, ma essendo un idealista, nel senso partenopeo del termine, di chi ha l'ide a fissa di entrare in una lista, era passato con Azzurri per Napoli, una lista composta da transfughi di Forza Italia guidata da Stanislao Lanzotti. Per questa formazione, civica per modo di dire, Alviti sarebbe dovuto essere capolista in una municipalità ma era una presenza scomoda, visto il passato a destra, per tutta la coalizione. Per questo motivo, per la serie certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano, Alviti è tornato con Forza Italia in quota Martusciello. I 44, come i gatti, voti conquistati alle ultime regionali, da Alviti fanno gola al movimento politico guidato da Silvio Berlusconi, che a Napoli, non gode di ottima salute, anzi... Per questo motivo l'ottimo leader sindacale sarà candidato in ben 2 municipalità: la IV e la VII




Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3