Meloni e Salvini, sovranisti azzoppati - Il Sovranista.info

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

martedì 5 ottobre 2021

Meloni e Salvini, sovranisti azzoppati




La drammatica autocritica di Salvini che ha perso Milano al primo turno, con le liste Fdi a un soffio dalle sue e l’intero centrodestra lombardo sotto choc: “Demeriti nostri, siamo arrivati tardi”. Il lungo silenzio della Meloni, che a Roma travolge il competitor e lo supera nelle grandi città ma non riesce a sfondare nel Paese: “Siamo il primo partito del centrodestra, primi in assoluto a Roma” è la stoccata all’alleato, in serata. La butta sui guasti dell’astensionismo e sulla partita capitolina ancora aperta: “La sinistra non festeggi”. Accarezza il risultato “ragguardevole” di Calenda. Roma focus mundi. Ma Napoli e Bologna già perse in modo secco. In casa sovranista, le aspirazioni sono state bruscamente ridimensionate. La somma non fa il totale, elidendosi non si governa.

Lo racconta il sollievo, ancora carsico, dell’ala “governista” del centrodestra: federatore cercasi, e dopo la “scoppola” dei “ragazzi”, Berlusconi scalda i motori. “Salvini e Meloni hanno voluto fare un referendum su di loro, imponendo i candidati e pensando che bastasse, ma l’hanno perso. La personalizzazione non paga più”. Osvaldo Napoli è uno che di partiti personali se ne intende: iscritto a Forza Italia dal ’94, ha traslocato con il gruppo “draghiano” di Toti da oppositore alla trazione sovranista del centrodestra. Quell’area che oggi brinda allo psicodramma in via Bellerio: il ko del “pediatra con la pistola” Bernardo ha aperto non una crepa ma un abisso nei sogni di gloria del Capitano. Non è una sconfitta: è un incubo che si materializza, sostanziato dai primi dati di lista che vedono la Lega intorno all’11%. Lo sigilla un Maurizio Lupi insolitamente duro: “Che scoppola, il peggior risultato della storia del centrodestra, sembrava X Factor, senza Silvio manca il collante, come ci racconta la collega Federica Fantozzi dalle pagine virtuali di Huffington Post in un interessante articolo che potete leggere cliccando qui


Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3