Roma, Rampelli: "scelta Michetti inopportuna e non concordata. Il mandato va onorato" - Il Sovranista.info

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

domenica 31 ottobre 2021

Roma, Rampelli: "scelta Michetti inopportuna e non concordata. Il mandato va onorato"




La scelta clamorosa di Enrico Michetti di rinunciare al seggio in Consiglio comunale non poteva non   scatenare dure reazioni nel centrodestra. Il candidato sindaco di Roma sconfitto da Roberto Gualtieri, si è infatti dimesso dall’incarico di consigliere comunale per continuare nella sua attività di direttore della Gazzetta Amministrativa, periodico che si occupa di consulenze legali agli enti locali. Michetti ha spiegato che continuando con la sua attività "potrò continuare ad offrire un contributo civico alla buona amministrazione, indubbiamente superiore rispetto a quanto potrei garantire ove assumessi il ruolo politico di consigliere di opposizione".
Il commento più   duro della giornata è quello del vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli, di Fratelli d’Italia che dichiara: apprendo delle dimissioni di Enrico Michetti da consigliere comunale, decisione personale non concordata con alcuno neanche con la federazione romana di Fratelli d'Italia protagonista di una battaglia senza risparmio in suo sostegno. Se mi avesse richiesto un parere avrei dichiarato l’inopportunità di tale scelta e il danno che si sarebbe arrecato alla credibilità dell’intera coalizione".

"Michetti è stato scelto anche per le sue storiche battaglie sociali, di opposizione a Raggi, Conte e Zingaretti fatte attraverso i microfoni di Radio Radio, emittente romana d’assalto - continua l'esponente di FdI - Non solo dunque per le sue competenze amministrative. Era per questo conosciuto al pubblico romano, per le sue sferzate al potere, lo stare dalla parte dei cittadini, non certo per le consulenze nei piccoli comuni del reatino o per le sue lezioni universitarie a Cassino, in provincia di Frosinone -  Avrebbe pertanto svolto benissimo il suo ruolo di oppositore, da vero "tribuno del popolo".
Sono sicuro che la maggioranza dei 375mila romani che gli hanno assegnato il mandato a rappresentarli l’hanno fatto pensando che sarebbe stato un buon sindaco ma anche un buon consigliere comunale".

"In democrazia chi si candida a ricoprire un ruolo sa bene che in caso di sconfitta deve onorare il mandato. In questo panorama c’è comunque una buona notizia che riguarda il subentro di un già consigliere comunale, Federico Rocca, persona laboriosa e competente che avrebbe meritato l’elezione immediata anche perché sostenuto da un mare di bravissimi militanti e dirigenti apicali di FDI. Per questo, conclude Rampelli, festeggiamo compatti la meritata conquista del sesto seggio in Campidoglio"

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3