A tarallucci e vino finisce la storia della mancata presentazione della Lega alle comunali di Napoli. La denuncia di Santanelli - Il Sovranista.info

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

mercoledì 17 novembre 2021

A tarallucci e vino finisce la storia della mancata presentazione della Lega alle comunali di Napoli. La denuncia di Santanelli



La Lega, per assoluta incapacità di presentare una lista, secondo legge, è stata la grande assente alle ultime elezioni comunali di Napoli, svoltesi domenica 3 e lunedì 4 ottobre. Tante persone che avevano speso il loro nome ed il loro prestigio, qualcuno anche risorse economiche per la propaganda politica, a causa di dirigenti incompetenti, si sono trovate dalle sera alla mattina, fuori dalla competizione elettorale. Ad oggi, nessun dirigente locale della Lega ha chiesto scusa e ha provato a dare una giustificazione di quanto incredibilmente accaduto. Il massimo dirigente cittadino, il consigliere regionale Severino Nappi è al suo posto e continua a pontificare, parlando di tutto lo scibile umano, tranne che della vergogna della mancata presentazione della Lega alle ultime amministrative.

I leghisti napoletani sono  gente tranquilla, moderata, lontana mille miglia dalle camice verdi di bossiana memoria e dagli intransigenti del nord, per cui sono rimasti muti durante la campagna elettorale, hanno aspettato i ballottaggi, nella speranza di sapere qualcosa su quanto successo e di sentire la parola scusa dagli autori dell'incredibile mancata presentazione. Nulla di tutto questo.
Il primo a scrivere qualcosa, in proposito, 43 giorno dalla data delle elezioni, è Paolo Santanelli, dirigente della Lega ed organizzatore della lista nella Prima Municipalità che su Facebook dichiara: " Rompo il silenzio sull’argomento dopo quasi due mesi perché sono rimasto ad attendere ciò che invece è stato strumentalmente eluso.
A tutto c’è un limite… e la fiammella sta per spegnersi. Non sono disposto a perdere per nessun motivo la stima di chi mi sostiene e con grande imbarazzo devo chiedere scusa a tutti coloro che mi hanno aiutato ad organizzare la lista “Prima Napoli” alla Municipalità 1 affinché sappiano che non vi sarà mai un responsabile… e che tutto è finito a “tarallucci e vino”.
Ieri sera su questa brutta storia è stato steso il velo pietoso del silenzio e come se nulla fosse successo si è parlato di futuro…
P.S la brutta storia di cui scrive Paolo Santanelli è la riunione cittadina della Lega, dove l'argomento mancata presentazione della lista è stato tabù e naturalmente si è parlato di futuro. Le scuse da parte del coordinatore cittadino e del coordinatore provinciale ai candidati che avevano speso il loro nome e la loro professionalità per il progetto politico della Lega nazionale voluta da Matteo Salvini non sono dovute.



Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3