Fabio Meroni, il consigliere leghista No Vax attacca Liliana Segre: "Mancava lei... la 75190". Poi le scuse - Il Sovranista.info

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 2

sabato 20 novembre 2021

Fabio Meroni, il consigliere leghista No Vax attacca Liliana Segre: "Mancava lei... la 75190". Poi le scuse



Alcune sere fa, Liliana Segre,  aveva detto che l'unica risposta ai No Vax che accostano la Shoah alle leggi sul Green Pass è solo silenzio.  La senatrice a vita da mesi è bersaglio di attacchi da parte del movimento che si oppone alle vaccinazioni e alla richiesta di certificato verde per il lavoro e le attività ricreative. E le polemiche contro di lei, invece di placarsi, continuano.
 L'ultimo della serie è Fabio Meroni, capogruppo della Lega a Lissone, in Brianza, consigliere provinciale ed ex deputato, dichiaratamente No Vax, che l'ha aggredita verbalmente in un post sui social, peraltro rimosso in queste ore. Liliana Segre, informata di questa ennesima aggressione via social, ribadisce che l'unica risposta per lei è il silenzio. Non meritano nemmeno un commento.

"Mancava lei... 75190", dove lei è Liliana Segre, deportata ad Auschwitz a 13 anni e marchiata con quel numero dai nazisti sul braccio. Il post di Meroni non è passato inosservato e subito sono arrivate le denunce da parte del centrosinistra. Dopo la pubblicazione, infatti il gruppo del Pd di Lissone e le liste civiche si sono dette "inorridite" e hanno chiesto le sue scuse. "Le considerazioni volgari di chi come il consigliere Fabio Meroni equipara le vaccinazioni al nazifascismo - hanno scritto - offendono tutte le persone dotate di consapevolezza storica e di un senso di umanità". Da qui la richiesta di "pubbliche scuse come unica via per presentarsi con un residuo di dignità di fronte al Consiglio comunale e alla cittadinanza".

"Non mi è piaciuta l'uscita della senatrice Segre sui vaccini come unica via di uscita dalla pandemia - ha spiegato Meroni al Giorno -. Rispetto la sua storia e non ho mai avuto intenzione di offenderla, ma non condivido quello che ha detto su questo argomento. Non è un medico. Anche nel mondo scientifico c'è disaccordo. Ho usato quel numero perché se avessi scritto il nome della senatrice mi avrebbero bannato da Facebook, ho voluto evitarlo".

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 3