Caso Moscopoli, con la Russia fuori dal Consiglio Europeo addio rogatoria - Il Sovranista.info

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

venerdì 25 marzo 2022

Caso Moscopoli, con la Russia fuori dal Consiglio Europeo addio rogatoria


Mosca esce dal Consiglio europeo e le conseguenze arrivano anche sul fronte dell'assistenza giudiziaria: la Russia non è più obbligata a rispondere alle richieste di rogatoria degli Stati Ue. Uno dei primi effetti - da quanto trapela in a Milano - è che potrebbe calare il silenzio nei confronti dei magistrati titolari dell'inchiesta ribattezzata Moscopoli che vede indagati l'ex portavoce di Matteo Salvini e presidente dell'associazione Lombardia-Russia Gianluca Savoini, l'avvocato Gianluca Meranda e l'ex banchiere Francesco Vannucci. L'accusa ipotizzata a vario titolo per tutti è corruzione internazionale.

L'andamento delle indagini per mesi è rimasto sospeso a una rogatoria a Mosca in cui si chiedeva, tra le altre cose, di interrogare cinque persone tra cui il ceo di Rosneft e gli interlocutori russi, seduti al tavolo del Metropol di Mosca con gli attuali indagati italiani, il 18 ottobre del 2018, per negoziare il presunto accordo. La registrazione dell'audio di quell'appuntamento, pubblicato da Buzzfeed, ha dato il via agli accertamenti nel giugno del 2019. La risposta dei russi, arrivata solo a gennaio, è stata una richiesta di ulteriori informazioni per decidere come procedere anche se i termini dell' inchiesta siano scaduti già a novembre. Nel frattempo, però, è esplosa la guerra, la Russia è uscita dal Consiglio europeo e le indagini, di questo fascicolo d'inchiesta, sembrano destinati all'archiviazione.

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 2