Storace: “La fiamma è storia nazionale, la sinistra la smetta” - Il Sovranista.info

Non perdere

Post Top Ad

Spazio Pubblicitario 1

Post Top Ad

lunedì 15 agosto 2022

Storace: “La fiamma è storia nazionale, la sinistra la smetta”

 


di Elisa Lugano

Questa polemica sulla Fiamma nel simbolo di Fratelli d’Italia è davvero patetica. E stavolta ritorna sui media perché il Centrodestra può vincere le elezioni del 25 settembre e il partito di Giorgia Meloni vanta buone prospettive nei sondaggi. Altrimenti non se ne parlerebbe». Lo scrive oggi Francesco Storace su Libero smascherando la sinistra.

Il richiamo alla fiamma lo aveva anche Alleanza nazionale

«Ma quel simbolo significa Fascismo? No, o almeno non più – ricorda l’ex governatore della Regione ed ex ministro della Salute – Il richiamo è al Msi, ce l’aveva anche Alleanza nazionale che la mantenne nel simbolo nello stesso congresso in cui rivendicava il diritto alla libertà “conculcata dal Fascismo”, come si scrisse nelle tesi di Fiuggi». La prova sta nella storia appena passata, «Al Msi appartenevano tre ministri, Pinuccio Tatarella addirittura vicepresidente del Consiglio- Adriana Poli Bortone e Altero Matteoli. E più in là- con An – Mirko Tremaglia, che militò nella Rsi. Il presidente Ciampi, al contrario di Scalfaro, non obiettò alcunché alla sua nomina, proposta da Fini a Berlusconi. Il partito da cui anche Tremaglia proveniva – il Msi – fu parte della democrazia italiana. E il suo simbolo ha più un valore storico che elettorale, va detto con chiarezza».

Storace fa chiarezza sulla fiamma

«Elettoralmente – prosegue Storace nel suo intervento su Libero – quel simbolo non fa più la differenza. Resta il suo valore storico e non a caso c’è la Fondazione An chiamata a preservarne il valore. Probabilmente la Meloni potrebbe anche toglierla dal logo di FdI senza perdere o guadagnare un solo voto. A condizione di non farlo per cedimento culturale alle pretese della sinistra, ma per scelta del suo partito. Altrimenti sarebbe sì una sconfitta ideologica ed è il motivo per cui non si deve abiurare persino alla simbologia»

A destra nessuno sogna dittature, è grave che si insista sull’argomento

«Altra cosa – e ben più grave», per Storace, «sarebbe l’inevitabile pretesa successiva: ora dicci di essere antifascista. Vorrebbe dire passare come un carro armato sui corpi di tanti ragazzi di destra assassinati negli anni di piombo nel nome dell’antifascismo militante: sarebbe davvero insopportabile, irrispettoso, cinico. Ed è grave che si continui ad insistere sull’argomento. Questo sì è elettoralismo da parte della sinistra e di chi ci casca: a destra nessuno sogna dittature e probabilmente si è molto più democratici che altrove. Ma il sangue versato va rispettato. Da tutti. È il motivo per cui dalla notte dei tempi a destra si insegue il mito della pacificazione nazionale: che significa basta alla discriminazione dei vinti di ieri nel nome della faziosità ideologica. La Patria – conclude Storace – è la Terra dei padri, che fu popolata anche da chi non scelse il carro del vincitore».

Fonte 7 colli.it


Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700

Spazio Pubblicitario 2